I benefici per chi ha un cane in casa

Altrove sul sito abbiamo accennato ai vantaggi che derivano dal vivere con un cane al proprio fianco. Per alcuni questi pregi potrebbero essere una esagerazione spinta da chi scrive questo portale, e per questo abbiamo deciso di dedicare una sezione apposita a questo aspetto della vita con un amico che scodinzola.

I benefici psicologici

Avere un cane fa bene all’umore, è il vecchio adagio.

Per quanto antico, questo luogo comune è anche vero: vivere con un cane aumenta l’autostima in grandi e piccoli, diminuisce depressione e stress, accresce il buonumore (avere un cane fa ridere!) e permette di conoscere più persone. Banalmente, perché si esce di più per accompagnare l’animale a fare i propri bisogni, e spesso al parco o per strada si incontrano “colleghi”.

In più, e specialmente quando il padrone è più anziano (ma non solo), la presenza di un cane diminuisce il senso di solitudine e aumenta, invece, la progettualità – nel senso di voglia di fare piani per il futuro.

I benefici fisici

Naturalmente sappiamo che alcune razze di cane, come il pastore tedesco, sono spesso presenti al fianco di portatori di handicap per la loro grande pazienza. In questo senso, è riconosciuto che possono essere un valido aiuto nella vita di tutti i giorni.

Ed è abbastanza scontata l’osservazione che avere un cane con sé imponga maggiore movimento fisico: così vera che nella stragrande maggioranza dei casi i padroni con problemi di pressione alta, di sovrappeso o cardiaci trovano dei miglioramenti per queste condizioni nel vivere la routine quotidiana con il loro amico.

Secondo il National Geographic, poi, i cani tengono lontani certi tipi di allergeni per noi dannosi grazie alla flora batterica “buona” che portano su di sé. E addirittura possono prevedere attacchi epilettici con un breve anticipo, riuscendo ad avvertire con il guaito che c’è bisogno di un medico: un grandissimo aiuto per le persone che vivono sole.